Dieta competitiva: SETTIMANA DI PICCO

Molti atleti seguono una strategia specifica per caricare e disidratare i carboidrati. Ma è davvero sempre necessario? In questo blog, vorrei scrivere di quando penso che sia normale, o addirittura necessario, adottare tali misure e quando lo sconsiglio.

Vorrei anche parlare brevemente di argomenti relativi a nutrizione, idratazione e sale durante la Peak Week.

L’atleta ha perso molto grasso con la dieta e la pelle non si è ristretta completamente, può anche trattenere molta acqua tra i muscoli e la pelle.

In questo caso, consiglio vivamente lo schema di carica di scarica. Scaricando i muscoli e quindi caricandoli con carboidrati, le riserve di carboidrati diventano eccessivamente compensate e i muscoli sembrano più pieni: questo può portare al riempimento della pelle flaccida e alle pieghe della pelle sottostanti.

Tuttavia, è necessario fare attenzione alla disidratazione perché i carboidrati non possono essere completamente assorbiti senza acqua e c’è il rischio che l’atleta sembri “piatto”.

Nel caso di uccelli sfortunati che hanno il ciclo allo spettacolo, consiglio vivamente di drenare l’acqua perché il ciclo può trattenere l’acqua anche nel tessuto connettivo.

Un’altra causa di disidratazione potrebbe essere se la forma non è ancora perfetta e la percentuale di grasso corporeo è ancora troppo alta. Questo può (ma non deve necessariamente) migliorare leggermente la forma ottica.

CASO 2:

L’atleta ha abbastanza muscoli ed è sempre in buona forma (anche in bassa stagione). Aveva solo bisogno di perdere un po ‘di grasso attraverso una dieta leggera per arrivare alla fase finale.

In questi casi, di solito è sufficiente aumentare la quantità di carboidrati entro il giorno dello spettacolo. Il drenaggio di solito non è necessario, ma può essere utilizzato per “irrigidire” la silhouette.

CASO 3:

L’atleta è praticamente senza grasso con una massa grassa molto bassa, la pelle è tesa e i muscoli sono ben sviluppati.
Questo può essere un problema per la categoria Bikini fitness, poiché le contrazioni muscolari visibili sono spesso scontate. Soluzione:

a) l’atleta decide di iniziare in una categoria superiore di “forma fisica” (soggetto a sviluppo nella parte superiore del corpo, soprattutto nella parte posteriore larga)

b) l’atleta è “sovraccarico” di carboidrati e sale, cosa che amo anche fare con il cosiddetto carico di merda. L’atleta può mangiare pizza, hamburger e gelato nei giorni precedenti di spettacolo per trattenere l’acqua extra tra la pelle e preservare i muscoli “Disegna le linee più morbide.” Tali casi, anche se estremamente rari, non dovrebbero in nessun caso essere esauriti, poiché ciò rende i contorni chiari ancora più estremi.


Pasti della settimana di punta:

Di norma vengono utilizzati solo quei prodotti che erano stati precedentemente consumati nella dieta e che erano ben tollerati. Se inizi a sperimentare qui e ti imbatti in cibi che causano problemi digestivi, potresti privarti del successo.


Peak Week Fluid:

Ho spesso sentito parlare della cosiddetta “sosta per bere” in cui agli atleti non è permesso bere più liquidi prima di uno spettacolo. Personalmente non ci credo e lascio che i miei atleti continuino a bere sorsi.


Picco di sale settimanale:

Ovviamente, giocare con il sale fa parte dello scarico. Se necessario, consiglio comunque di non usare tutto il sale il giorno dello spettacolo, ma di consumare quantità minime di sale (come le frittelle fatte con l’albume) per evitare i crampi.


Questo articolo fornisce un modello naturale di drenaggio e ricarica per il Peak Week Fitness per gli atleti di bikini:

Con questi suggerimenti per la Peak Week, auguro il meglio a tutti gli atleti del mondo!

Leave a Reply